Lettera aperta di Noi tifosi

Spett.le F.i.g.c. Lega Nazionale Dilettanti


Scriviamo all’indomani della decisione della Federazione di far anticipare la gara Teramo Canzano a sabato 18 a causa della concomitante partita del san Nicolò calcio, squadra teramana che milita nel campionato di Eccellenza e che, insieme al TERAMO, gioca le proprie partite interne nel Nuovo Stadio Comunale di Piano D’Accio.
Fermo restando che siamo perfettamente a conoscenza delle regole scritte che garantiscono alle società tutta una serie di priorità sulla base della categoria di appartenenza, ci corre l’obbligo di far notare che esiste, ed è altrettanto importante, quella famosa regola non scritta del “buon senso”,  dote che dovrebbe appartenere a chi è preposto a prendere determinate decisioni. In qualsiasi campo.
Stendiamo un velo pietoso sulla decisione presa in estate di inserire la nostra squadra in un campionato come quello di Promozione, rispettabilissimo, ma certo completamente inadeguato (per strutture e organizzazione generale) a sopportare una presenza così ingombrante; presenza che va a discapito di tutti, soprattutto di quelle società che hanno fatto investimenti per ottenere determinati risultati e si trovano improvvisamente a lottare contro una squadra decisamente fuori dalla portata.
Soprassediamo, a malincuore, sulle umiliazioni subite negli ultimi anni quando per colpe non nostre ci siamo trovati improvvisamente derubati di una passione.Nonostante tutto (e nonostante tutti) abbiamo ripreso il cammino (grazie soprattutto al Presidente Campitelli) con grande umiltà e spirito di sacrificio e, con la correttezza che ci ha sempre contraddistinti, ci stiamo riappropriando di quello che riteniamo essere patrimonio di noi tifosi e della città di Teramo, ovvero 95 anni di storia!

 
 

 

 Ma a quanto pare per qualcuno non è ancora sufficiente, le umiliazioni continuano, e la decisione assolutamente priva di buon senso di anticipare a sabato la gara del Teramo contro il Canzano né è la dimostrazione lampante, non tanto nel singolo caso, quanto per la palese mancanza di rispetto nei confronti di una città, di un nome storico del calcio abruzzese, di oltre 600 (si avete letto bene oltre 600) abbonati che hanno creduto nella rinascita, di duemila persone che credono in questa rinascita e domenicalmente seguono le sorti del Teramo Calcio e si vedono costrette a lasciar spazio, “perché lo dice il regolamento” , a 100/150 persone.

Decisione legittima, per carità, nella forma, ma assolutamente priva di una qualsiasi logica che dimostra come di fatto, chi decide, lo fa solo ed esclusivamente attenendosi al “regolamento” senza un minimo di buon senso!Troppo facile cari signori!
Bastava distogliere per un attimo lo sguardo dal vostro libro mastro, vivere il vostro lavoro in mezzo alla gente, per capire che una presa di posizione intelligente, ovvero quella di far giocare il Teramo di domenica, non avrebbe in alcun modo leso i diritti del san Nicolò, che peraltro ci risulta aveva dato piena disponibilità ad anticipare al sabato.Evidentemente per qualcuno i tempi non sono ancora maturi affinché alla TERAMO calcistica si possa restituire quella dignità che merita per storia e tradizione, ma noi ci saremo sempre e comunque.
Cordiali saluti e buona lettura del regolamento.

FORZA TERAMO
 
 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: