IL REFERENDUM A TERAMO NON SI PUO’ FARE!

Il referendum è uno strumento di esercizio della sovranità popolare, sancita all’art. 1 della Costituzione della Repubblica Italiana. L’esito referendario, espressione di questa sovranità, è una fonte del diritto primaria che vincola i legislatori al rispetto della volontà del popolo.

Questo significa referendum. Ma a Teramo, dove probabilmente chi governa ha voluto salvaguardarsi da qualsiasi volontà popolare diversa dalla propria, il referendum non può essere fatto e nulla conta la volontà popolare di 3000 firme prima e 5000 firme poi.

Si a Teramo, avete capito bene, il referndum non può essere fatto, perchè?

Perchè, a quanto pare, lo statuto comunale, rinnovato nel 2001, sarebbe privo del regolamento attuativo che darebbe norme sull’indizione di un referendum. Quindi il parere del ministro Maroni, comunicato al prefetto di Teramo, è stato che, presupposto essenziale per l’attivazione della consultazione , è l’esistenza di un regolamento. Senza regolamento nesun referendum, il popolo non può esprimere la propria volontà!

Vale a dire che nonostante in Italia dovrebbe essere la volontà popolare ad essere sovrana, se in qualche statuto viene omessa la possibilità di esprimere tale volontà, anche se esistente, perde valore…non c’è…non’è vincolante..

BELLA DEMOCRAZIA.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: