Più forti che mai: Rimini Teramo 1-1

Questo slideshow richiede JavaScript.

Diciamolo subito: è stata una trasferta bellissima, di quelle che fanno venire i brividi di quelle che ti fanno amare ancor di più questa squadra e questi colori.

Qualcuno ha detto che è piovuto e tanto…ma sugli spalti ciò non sembrava tanto è stato il calore sprigionato da una curva immensa. Immenso è stato l’apporto dei ragazzi della est, immenso l’urlo dei 500 che ha sovrastato in ogni momento il tifo riminese. A proposito, ma i tifosi romagnoli dov’erano?

Noi non li abbiamo sentiti.
Venendo alla partita, un Teramo con un cuore così è riuscito a raggiungere il pari in casa del Rimini in un campo che tutto era fuorchè un campo da calcio, ma piuttosto un campo di pallanuoto, dopo essere passato in svantaggio con un rigore fischiato al 6° minuto, per una trattenuta reciproca fra Gattari ed Equino in area in un campo dove si nuotava e non si riusciva neppure a far correre la palla. Oseremmo dire rigore generoso. Lostesso penalty messo a segno dal ‘discusso’ Evangelisti, sotto i riflettori nelle 2 partite precedenti a causa dell’ormai stranota squalifica ottenuta in coppa e mai scontata. 
Ma i biancorossi erano in partita, lo hanno dimostrato subito lottando su ogni palla come gladiatori, non mollando un passo agli avversari non tirando mai indietro il piede.
Il gol del pareggio è arrivato dopo un primo salvataggio sulla linea grazie ed una semi rovesciata del ‘baby’ Di Paolo, davvero bravissimo in tutto l’arco dei 95′ al pari di tutti gli altri. Ieri più che mai abbiamo apprezzato l’attaccamento a questa maglia, la grinta e la voglia messa in campo che mai deve mancare.

Un punto comunque pesante per proseguire la corsa anche se questo campionato ci piace…ci piace davvero tanto..

Ieri al Romeo Neri si respirava tutto fuorchè un aria da dilettanti.

Ultimo appunto e non il meno importante: PER QUAL MOTIVO IERI, ALL’USCITA DAL NOSTRO SETTORE SOTTO UNA PIOGGIA BATTENTE, DOPO UNA PARTITA NELLA QUALE NON C’E’ STATA NESSUNA PROVOCAZIONE, DOVE ABBIAMO PENSATO A TIFARE I NOSTRI COLORI ED A SCHERNIRCI CON GLI AVVERSARI, LE FORZE DELL’ORDINE HANNO RITENUTO OPPORTUNO, AD UN CERTO PUNTO, CHIUDERE IL CALCELLO DI USCITA E DARE SFOGO ALLA LORO VIOLENZA CON MANGANELLATE VERSO TUTTO E TUTTI? COSA AVEVANO FATTO SIGNORI, RAGAZZI, GIOVANI E MENO GIOVANI PER MERITARE UNA VOSTRA OFFESA FISICA? SCUSATE MA DA LIBERO CITTADINO, DA CITTADINO CHE PAGA TUTTE LE SUE TASSE E PAGA CON QUESTE L’ORDINE PUBBLICO PRETENDO UNA SPIEGAZIONE.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: