Archivio per speranza

Da salvare…solo la salvezza!

Posted in Città di Teramo, News, teramo calcio with tags , , , , on 29 maggio 2017 by Fabrizio

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una stagione da dimenticare, una stagione logorante sotto tutti i punti di vista ed alla fine, da salvare, resta solo la salvezza.

Ci sentiamo di ringraziare mister Ugolotti prima di tutto per averci tolto dalla vista ‘mister’ Zauli che ci ha lasciati ultimi e che ci avrebbe portato diretti in D con diverse giornate di anticipo e poi per essere riuscito ad ottenere il massimo, la salvezza appunto, da un gruppo di giocatori messi insieme male e senza criterio con un mercato riparatorio fatto peggio di quello estivo.

Già la salvezza…raggiunta grazie al miglior piazzamento ottenuto nella stagione regolamentare, visto che, di due gare spareggio da dentro o fuori, non siamo riusciti a vincerne una.
Si dirà il peso del risultato, del caldo, degli infortuni.
Si dirà del valore degli avversari, si dirà della sfortuna, della paura…ma alla fine il clichè è stato lo stesso di tutto il campionato.

Squadra senza grinta, senza corsa, senza idee, senza schemi. Tranne pochi, pochissimi elementi, che sono stati una certezza nel momento topico della stagione, altri sono stati una vera e propria delusione.
Tornando a ieri, tutti si sarebbero aspettati, anche in funzione delle dichiarazioni degli stessi giocatori BiancoRossi e del tecnico Ugolotti, una partenza ed un approccio tutta grinta e coraggio.
Invece squadra sull’attesa, remissiva, che non’è riuscita a fare neppure un tiro in porta per tutta la partita (per foruna i due risultati su 3).
D’accordo, direte Voi, ci bastava anche solo un pari..ma ieri si è rischiato tanto e se fosse entrato quel pallone di Speziale, salvato sulla linea da Caidi, ora staremmo a parlare di tutt’altro.
Di questa stagione allora non ci resta che salvare la solo cosa buona ottenuta e cioè una salvezza che fino a pochi mesi fa non era neppure messa in discussione dai vari tecnici (asini) che si sono avvicendati sulla panchina biancorossa, non era messa in discussione dalla società, anzi quei pochi tifosi che gridavano al lupo al lupo furono presi per dei visionari. Ma le avvisaglie c’erano e come…
Di questa stagione dobbiamo necessariamente censurare atteggiamenti quale quelli di Gubbio, dei social.
Di questa stagione dobbiamo condannare atteggiamenti da prime donne da chi veniva accusato di scarso attaccamento e poco impegno, dobbiamo condannare mancati saluti verso coloro che ci hanno messo sempre cuore, voce, amore, passione, tempo e denaro.

Di questa stgione dobbiamo censurare dichiarazioni che hanno rotto (quasi) definitivamente il sottile legame che ancora c’era fra curva e società.
Di questa stagione salviamo poco..quasi nulla, tranne che, finalmente, dagli spareggi non siamo stati beffati e che abbiamo salvato una categoria che è oro per questa città.

Una cosa però NOI tutti da questa nefasta annata dobbiamo imparare: errori simili non vanno più commessi, le scelte dovranno essere oculate, dovranno essere fatte con veri professionisti e fatte da professionisti, non si dovrà più improvvisare con comparse o prendere questo o quell’elemento per sola raccomandazione.

Ci auguriamo di cuore che la società faccia chiarezza su quanto accaduto nella stagione appena conclusa, che ritrovi quell’umiltà e considerazione verso la piazza che sempre l’aveva contraddistinta. Ci auguriamo che possa liberarsi di chi non’è stato capace di gestire le varie situazioni che si sono succedute e che anzi ha contribuito ad alimentare attriti ed incomprensioni con la piazza.

In ballo c’è il TERAMO, ci sono 104 anni di storia, in ballo c’è la NOSTRA dignità e la NOSTRA CITTA’!

 

Annunci

Lo avevamo detto… -2!

Posted in News with tags , , , , , , , on 14 marzo 2015 by Fabrizio

Lo avevamo predetto, lo avevamo sperato, ne avevamo la certezza. La certezza che le 2 gare successive alla 28° giornata avrebbero potuto dire altro sul futuro di questo campionato. Avevamo sperato nel momento positivo degli eugubini dopo l’exploit a Pontedera, avevamo predetto la difficoltà dell’Ascoli nelle prossime 2 trasferte; impatta infatti 2-2 proprio a Gubbio dopo essere stata 2 volte in vantaggio, ma a quanto pare senza fortuna e senza aiuti anche l’Ascoli può avere delle difficoltà a vincere con squadre ben messe in campo.
Avevamo inoltre la certezze della forza di questo Teramo che non si è fatto bloccare dalla Pistoiese in casa.

Stavolta un po’ di fortuna ha aiutato la squadra di mister Vivarini, in particolare ha aiutato Lapadula nel suo tiro su punizione deviato in rete da un avversario. Il solito bravissimo Speranza, trasformatosi in attaccante di razza, ha messo poi la parola fine alla gara interna contro la Pistoiese siglando il 2-0.
Intanto un punto lo abbiamo recuperato.. ora potremmo dire che il futuro del diavolo è nelle mani del Teramo stesso….

Forza DIAVOLO!!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una vittoria agro dolce..

Posted in News with tags , , , , , , , , , on 20 novembre 2012 by Fabrizio

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una vittoria fondamentale contro una diretta concorrente per la salvezza. Una vittoria dolce, dolcissima, per i 3 punti ottenuti, per la prova offerta in campo dai ragazzi bianco rossi, amara per il non completo successo del Teramo Day e per le dichiarazioni rilasciate a fine gara da mister Cappellacci.
Onestamente ci si attendeva un affluenza diverersa sugli spalti grazie al biglietto unico a 5,00€ e grazie al fatto che realmente la squadra aveva più che mai bisogno di una dimostrazione di affetto. Dimostrazione di affetto che ovviamente c’è stata da parte dei presenti per calore ed incitamento, dimostrazione d’affetto che non c’è stata sotto il punto di vista numerico. Certamente maggiore la presenza sugli spalti rispetto alle giornate precedenti, poi metteteci il tempo brutto, la pioggia ed il freddo, perchè lo sappiamo il teramano è comodo, molto comodo, metteteci la poca sensibilità ed il mancato buonsenso di coloro che dovrebbero garantire un ordine pubblico (?), pagati fra l’altro dalla società, che hanno impedito di entrare allo stadio ombrelli a famiglie con bambini e normalissimi spettatori i quali, giustamente, hanno fatto ritorno alle rispettive loro case calde che il patatrack è fatto.
Ancor di più hanno tenuto banco le dichiarazioni rilasciate a fine gara da mister Cappellacci che si è lamentato dell’essere stato messo in discussione dalla società. Conoscendo Roberto sicuramente era arrivato al punto di non poterne più ed è sbroccato, ma da una persona sana, intelligente e competente quale lui è ci saremmo aspettati un atteggiamento un pò diverso forse anche perchè da sempre ci viene detto che i panni sporchi si lavano in casa, poi magari, avendo risposto sul campo, tali esternazioni potevano essere evitate quantomeno in pubblico.
La gara è stata vinta dal Teramo per 1-0 grazie ad Ivan Speranza e grazie a schemi provati e riprovati in allenamento su palle inattive (calcio d’angolo).

Così come a Chieti è un difensore a risolvere il problema cronico del gol che ha il Teramo. Non a caso il teramo ha segnato solo 11 gol di cui ben 5 dai difensori e proprio Speranza risulta essere il miglior marcatore bianco rosso.
Certamente il nostro obiettivo è la salvezza..ma che sofferenza.
Forza TERAMO!

Obiettivo raggiunto! 3 gare 9 punti.

Posted in News with tags , , , , , , , , , on 26 marzo 2012 by Fabrizio

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il trittico di gare che comprendeva Agnonese, San Nicolò e Luco Canistro era secondo noi un nodo cruciare da superare con 9 punti per arrivare il prima possibile al traguardo finale della vittoria del campionato.
Obiettivo raggiunto in pieno con 11 gol fatti, 1 subito, 9 punti vantaggio di 10 punti consolidato sulla seconda che ora è la Civitanovese, 12 sulle terze Ancona e Sambenedettese.
Attacco più prolifico d’Italia, 80 gol,  miglior difesa del girone, 20 gol, capocannonieri del girone Masini con 21 gol e bucchi con 18, insomma una macchina quasi perfetta con a capo un ‘pilota’ bravissimo quale Roerto Cappellacci al quale vanno i meriti di aver costruito una squadra fortissima ed affiatatissima e di esser riuscito sempre a leggere bene ogni gara, anche con i vari innesti, turn over, sostituzioni. Ne è la riprova la gara di ieri dove vengono lasciati in panchina Ferrani, Masini e Borrelli sostituiti da Speranza, Arcamone e Laboragine. Prorio Arcamone e Speranza sono gli artefici di due dei 7 gol messi a segno contro il ‘simpatico’ Luco Canistro. Gli atri 5 segnati con una doppietta rispettaivamente da Bucchi e masini e dall’8° gol stagionale di un sempre bravo Petrella. La partita ha davvero poco da dire al 20° del primo tempo si era già sul 2-0 e sul 3-0, siglato da Speranza, il n°5 Morelli platealmente chiedeva ad Arcamone di non infierire, ma nonostante il ritmo blando ben 7 sono state le segnature del Diavolo. Una cosa ci sentiamo di sottolineare, che il Teramo quest’anno, a differenza del Teramo della passata stagione, non’ha quasi mai sofferto (tranne il Miglianico) le piccole squadre, cosa che invece accadeva puntualmente in passato. 
La cosa che ci dispiace la poca partecipazione allo stadio specie in queste partite che davvero potevano segnare, come è stato, uno strappo con le inseguitrici che nonostante la lunga rincorsa hanno fatto la fine dello sprinter e non del maratoneta. Sprint che in realtà hanno pagato prevalentemente sambenedettese ed Ancona che si erano avvicinate al Teramo ma che ora sono più lontene che mai. Manca poco, davvero poco. Sono 18 i punti in palio, 10 i punti di vantaggio, 3 vittorie e la vittoria finale potrà essere nostra.
Domenica importante sarà la trasferta di Recanati..

Teramo Pescara, trofeo Vittoria Ass.

Posted in News with tags , , , , , , , , , , , on 4 agosto 2011 by Fabrizio

Questo slideshow richiede JavaScript.

Poco da dire sulla gara..calcio d’Agosto e contro una squadra di 3 categorie superiori. Alcune buonissime indicazioni dai centrali, Speranza e Calabuig, conferme come Laboraggine e Berra mentre molti sono ancora da rivedere, come ad esempio Arcamone apparso fuori forma. Ma nonostante tutto una buona impressione generale con una squadra che è apparsa aggressiva in cerca del fraseggio e dei tocchi di prima.

Tanto invece da dire in merito all’ordine pubblico:

  • Prevendita di biglietti per il settore curva in una gara amichevole
  • Ingresso della curva chiuso per una gara amichevole ed accesso dal parcheggio della tribuna
  • Fanzine in difesa del comunale che non sono state fatte entrare in curva
  • Tifosi del Pescara, al contrario, con fumogeni, diverse bombe carta e bandieroni.

2 metri e 2 misure, misure assurde per una gara amichevole nello stadio più sicuro d’Italia. VERGOGNA!